Maida (CZ): La lingua Arbëreshe – Centro Studi Futura, progetto Carlo Acutis

I volontari del Centro Studi Futura e la lingua Arbëreshe

                

REALIZZAZIONE CORSO DI LINGUA ALBANESE “Impariamo l’albanese”

Relazione

I volontari del Servizio Civile Universale della sede di Maida (progetto Carlo Acutis) hanno realizzato e messo a disposizione degli utenti social un corso base di lingua albanese. Si tratta di un corso rivolto a giovani e bambini, con una struttura elementare, che pu  quindi risultare versatile e di facile comprensione anche per un pubblico più ampio.

La prima video-lezione del corso prevede un’introduzione alla lingua attraverso l’illustrazione dell’alfabeto, la cui pronuncia è in parte simile a quella dell’italiano, ma con l’aggiunta di alcuni particolari fonemi propri della lingua albanese. La rappresentazione grafica dell’alfabeto viene accompagnata da una pronuncia audio, in modo da facilitare l’apprendimento dell’utente. Più avanti nella video-lezione, ad ogni suono viene poi associata una parola che lo contenga, corredata di immagine, pronuncia in albanese e traduzione in italiano.
Oltre all’alfabeto i volontari hanno deciso di proporre come seconda regola grammaticale quella della distinzione tra genere maschile e femminile, riconoscibile attraverso le desinenze determinative associate ai nomi.

Il corso prende avvio così con nozioni fondamentali e di base, che creeranno le fondamenta per la prosecuzione delle ulteriori video-lezioni.

Per la realizzazione del corso, i volontari hanno organizzato diversi incontri presso la delegazione comunale di Vena, dove dopo uno studio preliminare dei numerosi libri di testo sulla grammatica albanese presenti nella biblioteca, hanno strutturato il proprio lavoro coordinando il tutto con molto coinvolgimento e passione.

Si tratta di un’opportunità di crescita personale per i volontari stessi, che sperano di poter raggiungere con le proprie video-lezioni un ampio pubblico, facendo sì che si riscopra l’interesse verso una lingua tanto affascinante quanto quella arbëreshë. La conoscenza della lingua, anche nella sua forma scritta, aiuta infatti a preservare un’identità che rischia di svanire nel tempo se ferma alla sua produzione orale. Il corso rientra tra la serie di attività previste per il progetto Carlo Acutis, che mirano alla valorizzazione e conservazione del patrimonio culturale arbëreshë.

I volontari:

Francesca Bardascino

Raissa Barone

Gian Marco Melina

Oscar Pettinato

Giulia Sgr

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*