Il Centro Studi Futura vicino agli anziani

Il Progetto Chiara Corbella Petrillo realizzato dal Centro Studi Futura si pone come obiettivo quello di far fronte alle difficoltà che affrontano gli anziani, soprattutto gli anziani soli, o comunque che non possono contare su un aiuto morale ed anche un sostegno pratico da parte di nessuno. Per la realizzazione dell’obiettivo progettuale si offrono servizi concreti a favore di questa fascia della società.

Il Centro Studi Futura ha da sempre prestato particolare attenzione ai soggetti più deboli nello specifico la fascia degli adulti/anziani, ma non solo in quanto lo stesso ente è da sempre impegnato su tutto il territorio italiano realizzando da anni progetti di servizio civile universale che vertono anche su altri settori, quello dei giovani, della memoria storica locale, delle minoranze linguistiche e così via, al fine di offrire servizi di qualità all’intera società.

Il Progetto Chiara Corbella Petrillo è realizzato in 4 delle regioni italiane, precisamente: Puglia, Campania, Calabria e Lazio rispettivamente nelle città di Bari, Vallo, Napoli, Nocera Inferiore, Salerno, Corigliano Calabro, Cosenza, Vibo Valentia, San Pietro a Maida e Frosinone per un complessivo di 47 operatori volontari che sono impegnati quotidianamente in diverse attività. In questi primi 4 mesi sono state realizzate diverse attività tra cui: la realizzazione di pagine social per promuovere e diffondere i lavori che saranno realizzati durante tutto l’anno di Servizio civile, una Ricerca Sociale istituita dalla Sociologa dell’ente sulla tematica del Covid-19, il tutto attraverso la realizzazione di interviste all’intera popolazione; sono stati realizzati a tal proposito video e comunicati stampa per rendere noto il lavoro svolto, gli stessi sono stati pubblicati sulle relative pagine sociale sul sito Futura Web tv. Vista la situazione pandemica in corso, gli operatori volontari, hanno dato vita ad uno sportello informativo telematico, per offrire un servizio ai consumatori/utenti anziani o comunque soggetti fragili per affrontare e sviluppare problematiche previdenziali, fiscali, di assistenza relativamente al sistema sanitario nazionale ed anche assicurare ascolto, conforto e compagnia. È stata costituita una rete di utenti, dunque una banca dati dove i soggetti registrati riceveranno periodicamente informazioni relative a diverse pratiche, riguardanti pensioni, assistenza fiscale, previdenziale e sanitaria.

È stata realizzata inizialmente, per ogni progetto esistente una fase di formazione generale vertente sul servizio civile universale per un totale di 45 ore; e 72 ore di formazione specifica riguardante appunto le specifiche attività. Tra queste sono state impartite 9 ore sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

Il progetto viene valutato lungo tutto il corso dell’anno tramite un apposito programma di monitoraggio. Attualmente è stato svolto il monitoraggio ex ante e quello relativo al primo quadrimestre di attività.

Seguiranno nei mesi a venire altrettante attività promosse dal Centro Studi Futura che saranno realizzate dagli operatori volontari di ogni sede attuante il progetto.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*