Inchiesta Sociale – Monterosso – Ingrid Bergman – Centro Studi Futura

Queste sono le interviste realizzate dai ragazzi sul proprio territorio.
Come sono cambiate le abitudini e le priorità dopo il Covid-19?

Inchiesta sars-covid19
Il signor Domenico Manduca è un piccolo commerciante del nostro paesello. Possiede una paninoteca rosticceria e risponde così alle nostre domande: Cosa pensi di questa pandemia e post covid? Inizialmente ci ha penalizzato essendo che mai prima d’ora si era verificata una situazione del genere, con un po di sacrifici siamo riusciti a riprenderci tornando più o meno alla normalità con le dovute precauzioni. Questo post covid ci ha penalizzato un pochino ma molti turisti hanno scelto di visitare il nostro bel paese rendendolo molto più popolato, quindi possiamo affermare che siamo in netta ripresa. Il mio augurio è che tutto questo si risolva presto per tornare tutti insieme alla normalità.
l’emergenza SARS-COVID19 continua ad essere la prima priorità a livello mondiale del 2020, questo avvenimento ha sconvoloto la vita e la routine di milioni di persone in tutto il mondo, dalle grandi citta dove la vita è frenetica e non si ferma mai ai piccoli borghi come ad esempio Monterosso Calabro ovvero il paese in cui vivo, detto ciò volevo riportare le risposte di alcuni professori a domande specifiche sul coronavirus.
A seguito del Virus come sono cambiate le priorità di vita?
“crediamo che non sarà più come prima e ognuno di noi dovrà scegliere per il proprio benessere le priorità in ordine di importanza. La prima cosa da fare è rispettare le regole del distanziamento e di protezione, specie nell’accesso alle strutture sanitarie. La scuola dovra essere in grado di ridurre al minimo le condizioni di rischio e il lavoro smartworking dovrà essere usato di più. Saper vivere in un economia, la quale avrà crisi a cascata”.
Cosa c’è al vertice delle tue esigenze ora?Su una scala di valori come posizioneresti famigli, passioni, lavoro, hobby?
“Al vertice c’è la salute, con il coronavirus si è detto stop alla logica dei soldi. Logico mettere in prima fila la famiglia, pensando a tutte quelle persone che non hanno potuto vedere e fare un funerale ai propri cari. Prima la priorità poteva essere la motivazione, agire per raggiungere uno scopo ed anche adesso può essere lo stesso,agire bene e comportarsi di conseguenza per il proprio bene è quello della famiglia, lasciando da parte passioni e hobby”.
Cosa hai deciso di cambiare nella tua vita che prima non andava bene?
Noi insegnanti abbiamo il dovere di continuare a farlo in presenza o no. Ora fare la spesa è un rischio, andare a lavoro un terrore, incontrare un amico una minaccia e così via. Bisogna riscoprire il senso dell’essenziale, i bisogni necessari, i sentimenti più veri, lasciando dietro i bisogni più materiali”.
Per quanto riguarda le persone anziane, i quali sono i soggetti più a rischio, parlando con loro si capisce a fondo la situazione di emergenza che sta attraversando l’italia e tutto il mondo. Infatti per loro , non potendo uscire per fare la spesa liberamente o per la visita di routine dal medico curante, il che era anche un modo per sentirsi ancora partecipi nella vita sociale del paese, è stato un evento drammatico. I nonni e i genitori hanno contribuiti a mettere in guardia i giovane che non erano immuni dal virus e per questo di fare molta attenzione e rispettare le regole imposte.
In conclusione posso affermare che purtroppo è una situazione con la quale dobbiamo convivere seguendo e rispettando le regole e sperare in una soluzione definitiva, che secondo me si avrà solo sperimentanto un vaccino o una cura efficace.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*